Figure professionali #3

Salve a tutti e buon pomeriggio siamo ritornati in una rubrica che non riportavo da un sacco di tempo cioè dal 13 novembre 2018 in pratica dall’anno scorso! già lo so che è una classica battuta e pessima questa appena fatta! tralasciate le cavolate, diciamo non era molto apprezzata lo notavo dai pochi like però gli volevo dare una seconda possibilità non era arrivata nemmeno a 3 episodi e in più la scorsa settimana l’avevo tagliata, oggi per giustizia lo riportata, quindi lasciate tanti like per primo! gli scorsi due episodi se volete leggerli nel caso ve li siete persi li potete trovare sempre nella categoria “figure professionali” ora possiamo incominciare subito!

Cattura 181.PNG

Ci sono molti lavori che non conosciamo anzi meglio per dire li abbiamo sentiti dire ma non ne abbiamo mai preso in conoscenza la curiosità di cercarli in internet così per informarci oppure magari essere una fonte di ispirazione per un lavoro futuro, uno di tanti tra questi che andrò a spiegarvi in seguito è il broker!

Chi svolge questo lavoro di broker, lavora in un ampia varietà di settori privati oppure anche all’interno del reparto vendite di un azienda, svolgendo le mansioni sotto la visione di un direttore ed è spesso vista come una posizione di partenza ottima per chi è interessato a questo campo, questa professione ultimamente sta crescendo in quanto il broker lavora in base al settore che più gli interessa.

Non è un lavoro per tutti in quanto bisogna avere dei fondamenti basilari di finanza quindi bisogna possedere una laurea, i percorsi di studio più adatti per queste attività sono quelli di stampo economico oppure in ambiti in cui non si allontanano molto come il diritto, però se si vuole fare una libera professione è meglio avere un master in business administration. In Italia vigono delle regole europee per questo il futuro broker dovrà possedere delle specifiche licenze rilasciate da parte della CONSOB dell’Italia e da Cypro, altri corsi interessanti sono quelli dell’IFA (indipendent Financial Advisor) che organizza lezioni per formare al meglio i nuovi Broker.

Cattura 141.PNG

Entriamo meglio nello specifico, il broker è un professionista della finanza che si occupa di vendere e acquistare per conto di altre persone riferisco sempre nel settore che meglio si adatta a lui, per adattarsi alle esigenze del cliente e avere il migliore rapporto di qualità-prezzo, con l’obiettivo finale di un guadagno dalle operazioni di vendita e acquisto di un prodotto azionario, i suoi clienti possono essere sia privati che società vere e proprie. Si tratta di scelte professionali mirate a far crescere i beni dell’interessato, ma ricordiamoci che c’e una differenza molto netta tra il broker finanziario e quello assicurativo.

Ma oltre ad avere un ottima conoscenza scolastica, bisogna avere un ottima approfondita dei mercati finanziari, ma anche un c’erto intuito negli affari cioè la capacità di prevedere le successive azioni per capire le tendenze dei mercati, per completare il tutto basta un pizzico di capacità gestione del portafoglio clienti e delle attività finanziarie. Però non basta anche conoscere le forme basilari d’informatica tutti i soliti programmi tipici come Microsoft World, Excel e altri, le email, le tecnologie per la comunicazione di tutte le informazioni necessarie per il lavoro.

Bisogna pensare anche al portafoglio non subito ma nel breve periodo si, lo stipendio del broker varia da molte cose per primo da come gestisce il lavoro con gli investimenti il portafoglio dei clienti e secondo varie ricerche che mi sono fatto per vedere quando potrebbe guadagnare in Italia si attesta intorno hai 10.000 euro al mese non subito all’inizio della gavetta ma diventando un esperto ci si arriva. Passano la maggior parte del tempo in ufficio e anche in borsa, però una cosa molto interessante per fare conoscenze e scoprire nuovi luoghi e il fattore viaggi, questo lavoro ti può permettere questa cosa in quanto si devono incontrare nuovi clienti oppure partecipare a conferenze. Il lavoro è molto pesante  e stressante ma penso proprio che soddisfi in quanto si lavora per molte ore solitamente con gli orari di apertura e chiusura delle borse.

Siamo giunti alle conclusioni se vi è piaciuto l’articolo vi invito a lasciare mi  piace, altrimenti per suggerimenti o altro potete lasciare un commento, un saluto da Fabio!

 

 

Annunci

Luoghi leggendari #2

Rieccoci qui in un nuovissimo articolo, avevo già accennato ieri che riportavo un secondo episodio di questa categoria visto che un follower me lo aveva scritto in un commento quindi diciamo a me piace accontentare tutti! poi magari faremo anche un terzo, quarto episodio e così via ma non facciamo ancora previsioni a lungo termine!

La scorsa volta avevo accennato di alcuni posti immaginari descritti da libri oppure che esistono realmente e sono luoghi di miti e strane vicende, posti che vanno dall’America all’Africa e in Europa, ne ho trovati molti facendo delle ricerche e devo dire che sono molto affascinanti e particolari, quindi partiamo subito!

  • Grecia

Cattura 171.PNG

Questo luogo situato in Europa in particolare in Grecia a Helike, questa città che il suo nome deriva da alcuni simboli della mitologia greca riaffiorata solamente nell’ultimo periodo, venne distrutta nel 373 a.C. secondo alcuni libri dell’epoca si disse che affondò come Atlantide oppure che sprofondò in una laguna a causa di un terremoto per causa di un insulto al dio Poseidone. Questa polis greca secondo studi più recenti si attribuisce la catastrofe della sua scomparsa ad un terremoto che successivamente provocò un violento tsunami che distrusse e seppellì completamente la città con tutti i suoi abitanti, in pratica la città fu oscurata e non lasciò alcuna traccia della sua esistenza, veramente un enorme disastro!

  • Honduras

Cattura 163.PNG

Molte civiltà antiche ricche di leggende stanno comparendo nel tempo una di questa che si trova in Honduras è la Ciudad Blanca, si pensava che fosse una leggenda ma ultimamente stanno comparendo molte rovine di un antico insediamento. Molti ricercatori hanno provato a cercarla nel tempo infatti senza vi racconto tutto che la storia è molto lunga la potete trovare su Wikipedia se siete interessati, comunque vi dico il perché molti hanno provato a cercarla, la chiave è nella sua storia che secondo molti è la città è piena d’oro molto ricca secondo delle fonti antiche, chiamata però non in nome dell’oro ma dai suoi edifici e muri che erano praticamente costituiti di pietra bianca.

  • Sud America

Cattura 133.PNG

Diciamo in sud America ci sono un sacco di civiltà perdute nella storia e nel tempo luoghi ricchi di storia e leggende, una tra tante è la città dei Cesari oppure chiamata città incantata della Patagonia che secondo alcune storie venne fondata da naufraghi spagnoli oppure da discendenti degli Incas, la città mitica è nascosta tra le Ande e anche questa come quella sopra è molto ricca di oro, diamanti e argento, ma ad oggi resta solamente una leggenda in quanto nessuno può provare la sua reale esistenza! Ma è stata cercata molto nell’epoca coloniale poi negli anni e nel tempo le ricerche sono state abbandonate.

  • Oceano Atlantico

198.PNG

Ci sono anche molte isole citate nei miti oppure dai navigatori, tra tante una di queste sono le isole fortunate oppure chiamate anche isole dei beati che si dovrebbero trovare nell’oceano Atlantico esattamente nelle Canarie. Queste isole sono molto citate nella letteratura classica Greca ma anche in opere storiche il perché è semplice secondo i Fenici queste isole sono i cosiddetti Campi Elisi che secondo il mito sono isole dal clima mite, con vegetazione lussureggiante che forniscono cibo agli uomini senza che loro abbiamo bisogno di lavorare e che gli dei destinano gli eroi a vivere lì una vita felice, Chissà mai se un giorno dovremmo capitarci!

Con questo è tutto vi saluto, vi invito a ricambiare se vi è piaciuto l’articolo con un mi piace, altrimenti per qualsiasi opinione potete lasciare un commento ad un prossimo e nuovissimo articolo!

Applicazioni particolari #6

Salve a tutti, oggi volevo fare uscire “Luoghi Leggendari” giusto per variare ma siccome la scorsa volta era uscito “architetture particolari” invece di questa rubrica per giustizia oggi uscirà applicazioni particolari sennò non esce mai nel giorno prestabilito! domani però salvo eventuali impegni porterò “Luoghi leggendari” dopo questa breve parentesi iniziamo subito!

La scorsa volta diciamo ho variato tra applicazioni utili e inutili diciamo per lo più divertenti, però ricordo sempre se vi siete persi gli episodi fino ad adesso li potete trovare sempre tutti sul mio blog, eccone altre quattro per oggi selezionate da me;

  • Transcriber per Whatsapp

Cattura 115.PNG

Quanti di voi è capitato di scrivere ad un amico, parente oppure qualunque sia questa persona vi risponderà tramite messaggi vocali, ecco diciamo che qualche volta è un bel problema visto che non sempre si possono ascoltare. Questa applicazione che è tutta italiana disponibile per Android, si può rivelare molto utile per i contatti amanti dei messaggi vocali, trascrivendo i vocali ricevuti nei momenti meno opportuni in testo. Dalle statistiche risulta molto facile da usare e con un ottima interfaccia quindi è tutta da provare! basta selezionare il messaggio vocale cliccare sulla condivisione e selezionare Transcriber attendendo qualche secondo arriverà la trascrizione del messaggio vocale.

  • Google opinion Rewards

Cattura 147.PNG

Questa applicazione mi ha veramente incuriosito e devo ammettere che lo anche scaricata per provarla è disponibile sia per Android che IOS. Praticamente è un ottimo modo per ottenere diciamo “credito gratuito” non dico ovviamente grandi somme di denaro ma piccole somme che possono essere di pochi centesimi oppure anche di 1€ che sai una volta ammucchiate possono fare anche un bel gruzzoletto, che sono spendibili su Google Play Store o PayPal. Ma come ci viene riconosciuto il frutto di queste somme di denaro, semplice rispondendo a sondaggi riguardanti uno specifico prodotto oppure un recente acquisto è curiosa e tutta da provare!

  • Chrome Remote Desktop

Cattura 122.PNG

Google crea sempre applicazioni che si rivelano utili ma che non tutte conosciamo bene come questa utile per chi lavoro molto con i vari dispositivi mobili. Mi piace sempre riferire che su può trovare gratuitamente sia su Android che IOS, ma concentriamoci in particolare cosa può fare questa applicazione, ci rende più semplice accede da remoto a qualsiasi computer desktop dal nostro smartphone personale, l’operazione non è poi così difficile basta installare l’estensione per Chrome sul computer e il passo successivo è impostare un PIN una volta fatto questo passaggio è possibile accedere ai file e avviare direttamente i programmi direttamente dal palmo della mano, l’importante è provarci!

  • F-Stop Gallery

Cattura 189.PNG

Diciamo che personalmente la fotografia e i video sono una categoria che mi interessa particolarmente mi affascinano quei scatti pieni di colori e vivaci, però se uno è un vero amante della fotografia e ha la passione dello scattare foto, successivamente modificarle e condividere con tutti. Sorge però un bel problema come fare per trovare quelle giuste dal proprio dispositivo visto che ci possono essere migliaia di foto! F-Stop Media Gallery in teoria risolve questo problema usando strumenti professionali come tag, valutazioni, album e altro ancora come funzionalità di ricerca integrata che fornisce ottimi risultati infatti mi sono visto le statistiche non è poi così male e disprezzata dagli utenti!

Siamo giunti alle conclusioni, se vi è piaciuto e vi ho incuriosito portandovi alla conoscenza magari di qualche applicazione che non conoscevate vi invito a lasciare like, altrimenti potete lasciare un commento con questo è tutto al prossimo articolo!

 

Viaggi e luoghi da scoprire #6

Buon pomeriggio a tutti followers e anche nuovi lettori, scusate per il ritardo dell’articolo che di solito la mia fascia è attorno alle 15 ma ho avuto un problema tecnico che diciamo mi è dispiaciuto anche, ieri sera avevo scritto questo articolo e lo dovevo finire stamattina, sono sicuro al 100% di averlo salvato ma mi sono accorto prima di pranzo che non c’era una frase solo il titolo, ci sono rimasto male in quanto era venuto molto bene, lo riprovato a riscrivere ma diciamo quando lo rifaccio la seconda volta mi dimentico le idee della prima volta, spero vi piaccia ugualmente!

Allora incominciamo subito, vi scriverò di questo posto che diciamo che una volta c’era poi purtroppo è crollato però mi ci sono voluto recare ugualmente a visitarlo visto che mi piaceva parecchio avendolo visto sugli sfondi del computer e varie riviste, il posto è sempre quello che parlo in questa rubrica per chi non lo sapesse la meravigliosa isola di Malta, molti di voi hanno già compreso di cosa stia parlando.

cattura 209

Per chi ha indovinato è proprio la finestra azzurra chiamata e meglio conosciuta in inglese azure windows che si trova a Gozo. Arco naturale costituito soprattutto da roccia calcarea che è un materiale che si erode nel tempo, formata nel tempo dalla potenza del mare e dal crollo di alcune grotte sottomarine.

cattura 888

Questo luogo che attirava molti turisti e abitanti del luogo è collassato il giorno 8 marzo 2017 non è che ero lì quel giorno ma facendo varie ricerche mi sono informato sulla data precisa giusto per far comprendere meglio! la causa del crollo è stata una mareggiata molto violenta causata da una burrasca con venti molto forti che hanno causato onde alte tra cui proprio una di queste onde marine ha impattato sul pilastro facendo crollare l’arco, ora da come vediamo nell’immagine è rimasto solo un pezzo di colonna.

Cattura 133.PNG

In questa immagine possiamo vedere come era prima qui invece l’immagine lo ricavata da internet, però devo dire che facendo queste ricerche sulla finestra azzurra mi è comparsa una notizia interessante che non ne ero a conoscenza. Un architetto russo (Svetozar Andreev) insieme ad un suo collega vuole ricostruire l’arco completamente in  acciaio, la sua idea è nata da un sondaggio pubblico che aveva proposto e questo sondaggio ha riscosso moltissimo successo tra i turisti e i residenti del luogo. Quindi si è convinto di trasformare il sogno in realtà dando questo suo progetto alle autorità maltesi che poi valuteranno la sua fattibilità di questo piano denominato “The heart of Malta”, che alla fine dei conti prevede la realizzazione di un’architettura poligonale di acciaio specchiato che lo farà fondersi con il panorama, sempre delle stesse forme e dimensioni dell’originale.

Questo è il video del progetto che hanno realizzato e ci tenevo a condividerlo con voi perché è veramente interessante da guardare!

Con questo è tutto, se vi è piaciuto nonostante mi si sia eliminato ed non è che è venuto proprio così bene come la prima volta lasciate like, altrimenti per qualsiasi opinione lasciate un commento un saluto da Fabio.

Traditional food or drinks from Marche #5

Ricomincia la settimana con un nuovissimo episodio della rubrica del lunedì, come passa il tempo siamo arrivati già ad un quinto episodio io che pensavo di farla durare una ventina di episodi quindi ne abbiamo ancora tanta di strada! vi ho sempre diciamo portato alla scoperta del cibo però la rubrica dal titolo parla di cibo e bevande infatti oggi che è il quinto episodio vi porterò alla scoperta di qualche bevanda nel più specifico di questi liquori che adesso vi spiegherò tutto quando, quindi senza girare troppo attorno cominciamo subito!

Cattura 209.PNG

Non può mancare nelle vetrinette nelle nostre case ma soprattutto nelle case dei nonni, diciamo che è proprio una vera e propria usanza e tradizione dalle nostre parti e devo dire che ci sono molte persone che non ne possono fare a meno!

Il Varnelli dalle mie parte è una nota fabbrica diciamo meglio distelleria nata nel 1868 che ha sede nella provincia di Macerata e  che identifica un altro famosissimo liquore che è il mistrà. Il mistrà Varnelli è quindi una bevanda alcolica secca, ottenuta da alcool di grano, distillato di anice e zucchero, viene usato per lo più per correggere il caffè ma lo si beve anche senza il caffè a secco oppure ci si possono preparare diversi coktail, invece in cucina lo si può aggiungere in ricette di primi piatti, secondi piatti e anche nel dessert quindi dove lo metti va bene ovunque! Una piccola curiosità è che ci hanno anche intitolato sempre dalle mie parti anche una scuola all’omonima distilleria giusto per favi comprendere quanto sia amata dalle mie parti!

Cattura 309.PNG

Questo liquore invece è più diffuso nelle zone della provincia di Ascoli Piceno la patria di cui avevo parlato nel primo articolo delle olive all’ascolana, qui possiamo trovare la cosiddetta “Anisetta”.

Ma in particolare vi andrò a raccontare che cosa è questo liquore quindi iniziamo subito! Partiamo dalle basi l’anisetta è un liquore a base di anice verde, il suo nome deriva proprio dalla pianta con cui aromatizza il suo gusto, si parte quindi dalla distillazione dell’alcool poi all’aggiunta dei semi di anice che cedono il loro caratteristico sapore infine aggiunta di altri ingredienti tra cui lo zucchero e altri aromi, può molto essere simile al sapore al mistrà ma non bisogna confondersi! Questa bevanda nasce nel 1830 da un omonima distilleria, invece negli anni del novecento vinse addirittura una media d’oro all’esposizione mondiale, la città di Ascoli Piceno ne diete proprio i natali a questo liquore chiamato Anisetta Meletti in omaggio allo storico proprietario del caffè Meletti, ma anche nelle zone di Sant’Elpidio a Mare si vede un altro protagonista della creazione di questo liquore. Una curiosità è che certamente anche oggi viene fatta invecchiare secondo tradizione in degli appositi contenitori di ferro che le permettono di formare una sorta di deposito per amalgamare bene il tutto. L’anisetta può essere bevuta a secco oppure come drink e anche questa può essere usata per correggere il caffè.

Con questo è tutto se vi è piaciuto l’articolo e vi ho incuriosito vi invito a lasciare like altrimenti per qualsiasi opinione potete lasciare un commento, alla prossima!

 

 

Riflessioni della domenica!

Cattura 101.PNG

Buona domenica a tutti! oggi non ho trovato del tempo per scrivere qualche articolo interessante ma mi ero riuscito a ritagliare giusto 20-30 minuti del mio tempo, visto che tra stamattina e ancora adesso lo stavo dedicando alla cura diciamo così della mia auto!

Mi sono accorto appena adesso che ero entrato in WordPress che hanno cambiato leggermente la grafica della visuale dal computer e oltre questo ho notato anche una cosa diciamo bella interessante di questo obbiettivo che ho raggiunto molti di voi forse hanno già compreso ma ecco qui di cosa stavo parlando;

Cattura 773.PNG

Non me lo aspettavo quando avevo aperto il blog di arrivare a questo risultato che può sembrare poco da una parte, ma dall’altra per me già è tanto, mi stanno venendo un sacco di idee che le appunto man mano in agenda riguardanti il mio sito ma che ora non rivelo le scoprirete nel tempo!

Oltre questo mi stanno venendo altre idee su vari articoli ma devo trovare uno spazio nella settimana visto che ci sono le rubriche, però stavo pensando che si potrebbe variare tipo mercoledì questo è uscito “architetture particolari #2” il prossimo mercoledì che viene vario faccio “Luoghi leggendari” e poi quello dopo di nuovo architetture particolari e così via anche per le altre rubriche se ho nuove idee. Per non essere monotono e variare sempre che mi sembra la strategia che vi piace di più!

Oltre queste piccole informazioni in questo breve articolo per concludere mi piace dare sempre un consiglio, ma vi siete mai chiesti da dove derivano tutte queste maree di idee che mi vengono in mente, semplice mi piace leggere tanto e informarmi che è il cibo della mente lo riscoperto solo qualche da qualche mese che stavo andando su una cattiva strada dove non leggevo più da qualche anno un libro e oltre quello guardavo solamente cavolate, da ottobre dell’anno scorso ho deciso di dare una svolta e cambiare rotta! infatti mi sono per primo incominciato a leggere qualcosa in internet come riviste di economia, natura, viaggi ecc.. mi volevo aprire un canale youtube ma come sapete bene mi vergogno un po a stare davanti la telecamera! allora mi sono aperto WordPress, comprato un libro dopo tanti anni, ricordo sempre che i libri sono il migliore investimento da fare su sé stessi, non lo ancora finito che è bello lunghetto sono 400 pagine ma già ho idee su quale sarà il prossimo libro da comprare infine vi volevo semplicemente dire di non sprecare il tempo su cavolate ma investitelo in cose utili che serviranno a migliorare voi stessi e il vostro futuro.

Con questo vi saluto che dire se vi è piaciuto lasciate like altrimenti per qualsiasi opinione lasciate un commento un saluto da Fabio!

 

 

 

Cibi internazionali #2

Buon pomeriggio a tutti followers e nuovi lettori, oggi da come avete letto dal titolo andremo a continuare ad andare alla conoscenza e alla scoperta di pietanze dal mondo, visto che la scorsa volta che avevo portato l’articolo che era mi sembra dopo Natale è stato abbastanza nella media inondato di like! quindi ho deciso di adottarlo come rubrica del sabato e ricordo sempre che se vi siete persi il primo episodio lo potete trovare sempre nel blog nell’apposita cartella.

La scorsa volta avevo parlato dei dolci tipici Giapponesi, ma oggi ci spostiamo vicino all’Italia vi dico che si trova in Nord Africa e per chi ha già intuito scriverò qualche cibo tipico tradizionale del Marocco. Dopo questa breve introduzione all’argomento possiamo iniziare subito!

  • Couscous

Cattura 777.PNG

Non potevo che citare il piatto tipico tradizionale, ovviamente ce ne sono molti altri, ma il Couscous è l’alimento base della loro cucina che viene preparato con i semi di semola ma anche di miglio e viene accompagnato il tutto da verdure, ceci e carne che può essere di molte tipologie tra cui pollo, agnello e manzo. La carne secondo la classifica tra le più usate è per primo il manzo a seguire l’agnello e per ultimo il pollo, ma ne esistono varie varianti senza carne ma con il pesce. Il Couscous viene preparato nella “cuscussiera” che è la caratteristica pentola di terracotta divisa in due parti dove sopra mettono a cuocere la semola, mentre nel piano inferiore le verdure, il tutto con l’aggiunta di molte spezie che dona al piatto quel sapore tipico marocchino!

  • Tajine

Cattura 884.PNG

In Marocco ci sono una varietà di pietanze ricche di sapore una di queste è la Tajine che vediamo nell’immagine e viene preparata con agnello, prugne e mandorle. Questo piatto prende il nome dal contenitore di terracotta che si usava per preparare questa pietanza, per cuocerlo usano una cottura molto lenta e a bassa temperatura che aggiunge al piatto quel pizzico che esalta tutti gli ingredienti e rende la carne di agnello tenerissima. Anche per questo piatto l’uso delle spezie è essenziale per arricchire il piatto viene aggiunto curry, pepe, cumino, cannella che diciamo sono le spezie principali più usati, ma il piatto in questo caso contiene anche un altra variante che è a base di pollo, limone e olive.

  • Baghrir

Cattura 103.PNG

Non potevo fare a meno di citare qualcosa di dolce! il Baghrir oppure si dice anche Beghrir è una sorta di pancake che è tipico mangiarlo in Marocco ma non solo anche nelle regioni limitrofe, è popolare mangiarlo a colazione oppure come spuntino durante il Ramadan. Lo si riconosce perché è piccolo, spugnoso e fatto con semolino oppure farina, la loro cottura finale si riconosce dai forellini che poi serviranno per assorbire la salsa sui cui verranno serviti. Il composto in cui vengono immersi solitamente è burro oppure miele ma posso anche essere tagliati a spicchi e serviti con la marmellata, ma al pancake un po come il pandoro! si può aggiungere dell’uvetta e canditi vari.

  • Tè alla menta

Cattura 134.PNG

Avevo detto che parlavo di cibo, ma posso fare un eccezione questa volta visto che il tè verde alla menta è proprio una bevanda molto caratteristica di cui possiamo trovare anche degli appositi luoghi dove poterla sorseggiare con tutta calma. Se vi offrono del tè verde in Marocco vi consiglio di accettarlo visto che rifiutarlo per loro è considerato un gesto scortese, viene consumato più volte durante la giornata e si dice abbia un effetto tonificante e digestivo, un po come noi che abbiamo l’uso eccessivo del caffè! Questa bevanda viene servita calda e molto zuccherata, non confondetevi con i classici tè alla menta visto che questo è proprio una specialità e penso abbia un sapore tutto particolare e molto più intenso, in caso non ci sia la menta vengono usate anche delle foglie di assenzio che però farà venire il tè più amaro.

Con questo è tutto vi saluto, se vi ho fatto incuriosire su queste specialità tipiche tanto da farvi venir voglia di farvi una scappatina in questi luoghi lasciate mi piace altrimenti per qualsiasi opinione potete lasciare un commento un saluto alla prossima!